Disinfestazionemodenese2
Disinfestazionemodenese3

SANIFICAZIONE AMBIENTALE

DISINFESTAZIONE

DERATTIZZAZIONE

ALLONTANAMENTO VOLATILI

SANIFICAZIONE AMBIENTALE

DISINFESTAZIONE

DERATTIZZAZIONE

ALLONTANAMENTO VOLATILI

gattoetopo1

REGGIO EMILIA   MODENA   BOLOGNA

REGGIO-EMILIA    MODENA    BOLOGNA

PRONTO INTERVENTO

PRONTO INTERVENTO

 

 

info@disinfestazionemodenese.it

 

P.Iva 03841040367

                                                                        

Via Emilia Ovest, 500

Modena 41123

 

Lunedi - Sabato

09,30-20,00

Formazione certificata

logoaccredia

facebook

Powered by

logoiso29990
Progettosenzatitolo

Formazione Certificata

logoaccredia
logoiso29990

Disinfestazione e Monitoraggio per Aziende Alimentari, Ristorante e Bar a Modena, Reggio Emilia Mantova e Bologna

image-512

Ministero della Salute

 

In riferimento alle disposizioni previste dal D.L. 193/07 relativo alle forme di autocontrollo e sistema H.A.C.C.P. (Hazard Analysis Control Critical Point), per quanto riguarda la parte specifica della derattizzazione e disinfestazione, hanno l’obbligo tutte quelle aziende che eseguono direttamente o indirettamente la preparazione, trasformazione, fabbricazione, confezionamento, deposito, trasporto, manipolazione, vendita, fornitura, compresa la somministrazione di prodotti alimentari e d’applicare e programmare servizi che rispondano ai requisiti richiesti: prevenzione-eliminazione infestante e relativa documentazione.

 

I servizi obbligatori in linea con Ie recenti normative D.L. 193/07 e sistema H.A.C.C.P. sono:

monitoraggio roditori

monitoraggio insetti striscianti

monitoraggio insetti alati.

In sintesi, il D.L. 193/07 stabilisce che ogni soggetto pubblico o privato che esercita una o più delle attività sopra descritte deve garantire tutte Ie procedure intraprese sugli alimenti, effettuate in modo igienico e senza rischi di contaminazione dei prodotti alimentari. Ogni soggetto quindi ha l’obbligo di adeguarsi ed applicare la normativa.

L' HACCP descritto in breve

L’obbiettivo da perseguire è di garantire la solubrità dei cibi attraverso l’attuazione del Manuale di autocontrollo H.A.C.C.P.

Ecco di seguito sintetizzati in 13 punti i passi necessari per non incorrere in sanzioni:

 

1 Nominare un responsabile per il D. Lgs 155/97 altrimenti la responsabilità sarà del titolare dell’industria alimentare.

2 Realizzare una mappa della struttura per individuare i punti a maggiore rischio di contaminazione.

3 Valutare la possibilità di interventi strutturali per migliorare le condizioni igieniche e adeguare la struttura a quanto disposto dai capitoli allegati al Decreto.

4 Stilare un piano di pulizia e di disinfestazione generale, differenziato per locali, di tutta la struttura tenendo presente l’obbiettivo di evitare il più possibile la contaminazione degli alimenti.

5 Fare un elenco delle attrezzature, evidenziando quelle che potrebbero essere causa di pericolo di contaminazione.

6 Redigere una procedura di pulizia e disinfezione per ogni attrezzatura.

7 Stilare un programma di manutenzione periodica di tutta la struttura e di tutte le attrezzature.

8 Realizzare un elenco dei punti critici di controllo del metodo H.A.C.C.P. unendo i punti e le attrezzature a maggior rischio di contaminazione.

9Stilare per ogni punto critico procedure sulle misure da prendere per evitare inconvenienti, prevenirli o eliminarli.

10 Redigere un diagramma di flusso comprendente tutto il processo produttivo che definisca i percorsi che materie prime e prodotti finiti devono fare.

11 Stilare procedure operative per ogni operazione identificata nel diagramma di flusso.

12 Raccogliere le schede tecniche e di sicurezza dei prodotti chimici utilizzati.

13 Stilare un programma di informazione, formazione e addestramento del personale in materia di igiene alimentare.

Create a website
Privacy Policy